CoverCarlaGreco600x400
BackCarlaGreco600x400

DAL DOLORE ALLA FELICITÀ La scelta di trasformare le ferite

17,50€

prefazione di DANIEL LUMERA 
introduzione di Ettore Amato

 

Categoria:

Descrizione prodotto

Più che una lettura devi concederTi l’avventura.

Il tempo è ORA, senza rinvii. E sarà più facile, così, portarTi a Essere quello che sei.

PortarTi. Ecco.

Immagina questa azione di conduzione. Senza strattoni, con il Tuo ritmo e la leggerezza che un po’alla volta, a mente e cuore aperto, acquisirai.

La conoscenza di noi stessi è l’unico vero trampolino di lancio verso il benessere. Non esiste una bacchetta magica che faccia sparire le zone d’ombra e in verità le zone d’ombra sono necessarie per mettere in risalto quelle assolate.

E allora se ci immergiamo nei chiaroscuri e ci lasciamo guidare da una paziente e generosa buona volontà possiamo finalmente Essere e incontrare la felicità.

Sono scelte con cura le parole di Carla. Sta a noi abitarle consapevolmente e trasformarle in vita. Se dovessi descrivere questo libro con sette parole sceglierei queste: accoglienza, accettazione, cambiamento, scelta, responsabilità, gratitudine, gioia. Un viaggio nel corpo, nella mente, nelle emozioni e nello spirito per nascere e rinascere in se stessi. (Daniel Lumera)

Vuoi saperne di più? Leggi l’Estratto

CARLA GRECO dopo la sua seconda nascita, in seguito ad una esperienza di premorte, inizia il suo viaggio di ricerca, tra oriente e occidente. Dott.ssa in Psicologia, oggi formatrice, insegnante di Yoga e Tecniche Psicofisiche Integrate e praticante di meditazione di consapevolezza, ha ideato un proprio metodo integrato di lavoro, che ha come scopo la Consapevolezza dell’individuo e l’Allineamento e l’Armonia tra le dimensioni dell’Essere e del Fare. Conduce seminari e conferenze sull’Arte del Cambiamento e sull’Accettazione di sé e della vita, come Abilità fondamentali per il benessere dell’individuo.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “DAL DOLORE ALLA FELICITÀ La scelta di trasformare le ferite”